tutto Mauritius - asso villa Mauritius domanine de la nature

Asso Villa Belle Mare Mauritius
Domaine De La Nature
Vai ai contenuti
tutto su Mauritius

Informazioni Generali  

(tratte da “What’s on in Mauritius”, 19a ed., a cura della MTPA-Mauritius Tourism Promotion Authority)

Il visitatore deve essere in possesso di passaporto valido e di un biglietto di ritorno o proseguimento. Al visitatore viene normalmente concesso un visto valido un mese, che può essere rinnovato su richiesta. I visti si possono ottenere dalle Ambasciate ed Alte Delegazioni di Mauritius. (Normalmente, a bordo dei voli in arrivo a Mauritius viene distribuito un modulo in doppia copia dell’Ufficio Immigrazione, da compilare anche con i dati completi –nome, indirizzo e recapito telefonico- del proprio alloggio sull’isola. Il visto viene così rilasciato all’arrivo. Le tasse aeroportuali d’imbarco sono normalmente comprese all’acquisto del biglietto. N.d.R.).

E’ richiesto un certificato di vaccinazione internazionale contro la febbre gialla per chi proviene da aree infette. Non vi è rischio di malaria a Mauritius.

DOGANA: ai passeggeri di età pari o superiore a 16 anni sono concessi i seguenti articoli duty-free: 250g di tabacchi (sigari e sigarette), 2 litri di vino o birra, 1 litro di alcolici, circa 25cl di Eau de Toilette ed una quantità di profumo non superiore a 10cl. (Da Agosto 2002 i prezzi del duty-free shop all’arrivo sono espressi in Euro. N.d.R.).

Piante e semi, frutta fresca e fiori devono essere dichiarati alla Dogana all’arrivo e sono soggetti a controllo. Si deve ottenere in anticipo un permesso per la loro importazione dal Ministero dell’Agricoltura. Le stesse procedure si applicano agli animali, che devono anche essere sottoposti ad un periodo di quarantena. Le armi da fuoco devono essere dichiarate all’arrivo.

VALUTA: l’unità monetaria è la Rupia (Rupee – Rs) che viene divisa in centesimi. Sono in circolazione banconote da 25, 50, 100, 200, 500, 1000 e 2000 Rs e monete da 5, 20 e 50 cent e 1, 5 e 10 Rs.

I cambi sono fluttuanti e sono approssimativamente i seguenti:

1 dollaro USA = 33,79 Rupees; (in  marzo 2019 N.d.R.).

1 sterlina UK = 44,34 Rupees; (in marzo 2019 N.d.R.).

1 Euro € = 37,98 Rupees (in marzo 2019 N.d.R.).

Ai visitatori di Mauritius sono consentite al massimo 700 Rs in banconote all’ingresso e 350 Rs in uscita. Non vi sono restrizioni all’importazione di valuta estera sotto qualunque forma, come carte di credito, assegni, banconote e traveller’s cheques. Le carte di credito sono largamente accettate, in particolare VISA, Master Card, American Express e Diners Club. (Molti sportelli bancari automatici sono collegati al sistema internazionale Cirrus, che consente di prelevare contante con il sistema Bancomat. N.d.R.).

Orario delle banche: da lunedì a giovedì 09:15-15:15, il venerdì 09:15-17:15, sabato e domenica chiuso.

IVA: 12% sulla maggior parte degli acquisti.

Le mance non sono normalmente attese ma lasciate a discrezione individuale.

Per l’abbigliamento l’orientamento generale è da spiaggia di giorno e casual la sera. Sono utili leggeri maglioni di lana o cotone durante i mesi più freddi da Giugno a Settembre.

L’orario a Mauritius è GMT+4 ore, 3 ore in più rispetto al tempo medio Europeo (2 ore in più durante l’ora legale. N.r.R.).

L’alimentazione elettrica sull’isola è 220 volts. Si possono trovare prese di tipo Inglese a 3 poli o Francese a 2 poli (come quelle Italiane. Se non avete con voi un adattatore, ne troverete facilmente nei negozi. N.d.R.).

L’acqua erogata nell’isola è potabile, ma è consigliabile bere acqua minerale in bottiglia.

GIORNALI: per la maggior parte Francesi. Si possono trovare anche Inglesi.

AUTO: circolazione a sinistra con precedenza a destra. Per noleggiare un’auto il conducente deve avere compiuto 23 anni ed essere in possesso di patente internazionale di guida da almeno 1 anno. Le auto a noleggio si distinguono per le targhe di colore giallo. Le principali catene mondiali di autonoleggio sono presenti sull’isola direttamente o con agenzie affiliate, oltre a noleggi locali. E’ possibile anche il noleggio di moto, scooter e biciclette.

TRASPORTI: I taxi sono facilmente reperibili di fronte ai grandi alberghi o negli appositi parcheggi e sono riconoscibili per l’insegna sul tetto e le scritte di identificazione sui fianchi. E’ possibile affittarli anche per metà o tutta la giornata. Le tariffe, da trattare prima della partenza, variano in funzione del percorso richiesto e comprendono sempre la percorrenza di ritorno. Quasi tutti i taxi dispongono di telefono cellulare e climatizzatore.

Il servizio di autobus a Mauritius è regolare ed economico anche se alcuni mezzi sono decisamente spartani o in condizioni non perfette. E’ possibile raggiungere quasi ogni parte dell’isola dalle 05:30 alle 20:00 nelle zone urbanizzate e dalle 06:30 alle 18:30 nelle zone rurali. Esiste un servizio che termina alle 23:00 tra Port Louis e Curepipe, via Rose Hill, Quatre Bornes, Vacoas e ritorno.

Via mare è possibile raggiungere l’isola Rodrigues due/tre volte al mese per mezzo della motonave “Mauritius Pride”, che collega anche Réunion da tre a sei volte al mese.

Un volo di Air Mauritius collega due volte al giorno Rodrigues con velivoli ATR 42/72. La durata del volo è di 1h30’.

NEGOZI: orari variabili da città a città, ma usualmente dalle 09:30 alle 17:30. Chiusura di solito al giovedì o sabato pomeriggio. Molti negozi chiudono la domenica e le festività.

UFFICI: solitamente feriali 08:30-16:00 ed il sabato 09:15-11:15.

POSTE: orario uffici dal lunedì al venerdì 08:00-16:00 ed il sabato 08:00-11:45. I francobolli si vendono solamente presso gli uffici postali.

EMERGENZE: numero telefonico 999 per qualunque necessità di Vigili del Fuoco, Polizia ed Ambulanza.

TELEFONI: prefisso internazionale 00230. I telefoni pubblici sono numerosi e la maggior parte di essi funziona con carta telefonica, facilmente reperibile. (La telefonia cellulare è largamente diffusa. Prima di partire controllate che il vostro gestore vi abbia abilitato alle chiamate internazionali. N.d.R.).


Storia
Mauritius era conosciuta dagli antichi mercanti Arabi ed era segnata sulle loro carte, ma i primi visitatori provenienti dall’Europa furono i Portoghesi, che vi sbarcarono nel 1510. Essi utilizzarono l’isola come scalo di rifornimento nei loro viaggi verso Goa e Malacca ma non vi si insediarono. All’epoca l’isola era conosciuta come “L’Ile Cirné”.

Il primo tentativo di colonizzazione fu fatto dagli Olandesi, che arrivarono nel 1598 e diedero all’isola il nome di Mauritius in onore del Principe Maurice di Nassau. Essi introdussero lo zucchero, gli schiavi Malgasci ed una razza di cervo Giavanese. Ma sono anche indicati come responsabili della scomparsa delle rigogliose foreste di ebano e l’estinzione del famoso uccello Dodo. Alla fine abbandonarono i loro insediamenti nel 1710.

I Francesi occuparono l’isola tra il 1715 ed il 1810 e la rinominarono “Ile de France”. Molti nomi di località ricordano questo periodo. Mahé de Labourdonnais, che divenne governatore nel 1735, ricostruì Port Louis ed inaugurò il primo mulino per lo zucchero.

Nel 1810, con l’arrivo dei coloni Britannici, il nome dell’isola ritornò ad essere “Mauritius” o “Ile Maurice”. L’abolizione della schiavitù portò all’assunzione di lavoratori regolari Cinesi ed Indiani, che furono seguiti da mercanti delle rispettive nazionalità.

Mauritius raggiunse l’indipendenza dalla Gran Bretagna il 12 Marzo 1968 e da allora è stata una nazione sovrana indipendente nell’ambito del Commonwealth Britannico. Sotto la Costituzione, basata sul modello di Westminster, il potere politico è rappresentato dal Primo Ministro e dal Consiglio dei Ministri. Le elezioni si tengono ogni 5 anni.

Il 12 Marzo 1992 Mauritius è divenuta una Repubblica.

Geografia

L’isola di Mauritius, conosciuta come “La Stella dell’Oceano Indiano”, è situata in ottima posizione: poco a Nord del tropico del Capricorno, 20° Sud di latitudine e 57°35’ Est di longitudine.
Il territorio comprende l’isola Rodrigues, 560 km a Nord-Est ed altre piccole isole sparse come Agalega e Cargados Carajos (St. Brandon).
Mauritius è un’isola vulcanica, dall’età di circa 10 milioni di anni, che misura solo 1865 km2. Le sue dimensioni sono circa 50x60 km. Si trova a circa 855 km ad Est della costa del Madagascar, ad Est del Sud Africa, continente più vicino.
L’altopiano centrale si eleva a circa 700 metri d’altitudine, con la montagna Le Piton de la Rivière Noire che raggiunge gli 828 metri d’altezza.
La linea costiera di 330 km è quasi interamente racchiusa da una delle più grandi ed ininterrotte barriere coralline al mondo.

Il clima
è mite e temperato e rende Mauritius una destinazione ideale tutto l'anno.
Durante i mesi estivi, da novembre ad aprile, la temperatura varia tra i 20 e 28 °C sull'altopiano centrale e il 25-33 °C sulla costa. Durante i mesi invernali la temperatura media negli altopiani centrali è tra 19 ed i 13 °C la sera. Queste medie sulle coste sono di di 5°C più elevate.
Temperatura del mare varia in medi media dai 22 °C in inverno ai 27 °C d'estate.
Il sole estivo sorge alle 05:30 e tramonta alle 19:30. D' inverno intorno 06:00 - 06:30 e tramonta alle 17:30 - 18:00.
La stagione delle piogge tra gennaio e marzo.
Un consiglio per la vostra vacanza: Indossare il """Il SOLE di MAURITIUS!""""

ECONOMIA

La coltivazione della canna da zucchero è la principale risorsa di Mauritius. Alcuni sottoprodotti della canna sono rhum, aceto, fertilizzanti, mangimi per animali, profumi ed energia elettrica.  

L’isola ha sviluppato il proprio settore industriale a partire dagli anni ’70 creando una zona franca, orientata soprattutto verso il tessile. Si è dotata di un centro Offshore e di un Porto Franco che attirano gli investitori stranieri. La gamma di prodotti a Mauritius è vasta. I principali sono: pullover di lana, tessili, abbigliamento, articoli in cuoio, gioielli, giocattoli, mobili, orologi, modelli di navi, conserve. Mauritius è il 3° esportatore mondiale di pullover di lana.  

A tutt’oggi l’esportazione di prodotti della zona franca rappresenta il 70% dell’economia Mauriziana e lo zucchero esportato il 27%.  

L’industria turistica continua la sua progressione negli ultimi 15 anni. Nel 2000 erano attesi 620.000 turisti. L’isola ha una propria compagnia aerea, Air Mauritius, che collega 28 destinazioni diverse.  Il clima
è mite e temperato e rende Mauritius una destinazione ideale tutto l'anno.
Durante i mesi estivi, da novembre ad aprile, la temperatura varia tra i 20 e 28 °C sull'altopiano centrale e il 25-33 °C sulla costa. Durante i mesi invernali la temperatura media negli altopiani centrali è tra 19 ed i 13 °C la sera. Queste medie sulle coste sono di di 5°C più elevate.
Temperatura del mare varia in medi media dai 22 °C in inverno ai 27 °C d'estate.
Il sole estivo sorge alle 05:30 e tramonta alle 19:30. D' inverno intorno 06:00 - 06:30 e tramonta alle 17:30 - 18:00.
La stagione delle piogge tra gennaio e marzo.
Un consiglio per la vostra vacanza: Indossare il """Il SOLE di MAURITIUS!""""

 
La Popolazione
Con al sua popolazione di circa 1.140.000 abitanti, più 37.000 dell’isola Rodrigues, Mauritius è straordinaria nella sua varietà etnica. La società Mauriziana è formata da molti elementi multi-culturali: Indiani, Africani, Cinesi ed Europei. Questo ha prodotto un vivace incrocio di razze, lingue, religioni ed abitudini alimentari.

La lingua ufficiale è l’Inglese, ma quasi tutti parlano e leggono il Francese. Si parlano anche molte lingue orientali, principalmente il Bhojpuri (una specie di Créole Hindi), ma il Creolo rimane la lingua franca.
La suddivisione percentuale è 51% Hindu, 26% popolazione generale (inclusi Creoli e Francesi), 21% Musulmani e 2% Cinesi.

Sport

PESCA : lasciare Mauritius senza provare l’emozione della pesca d’altura (o big game) con le proprie mani, significa perdere un’esperienza realmente eccitante nello scenario Mauriziano.  

Le acque dell’isola, oltre la barriera corallina, abbondano di numerose varietà di pesci: marlin neri e blu, ombrine, tutti i tipi di squalo, pesci vela, tonni dalle pinne gialle, wahoo, barracuda e bonito, ed altri. Non si sa se i grossi predatori vengano a caccia così vicino alla costa in altre parti del mondo. Mauritius detiene numerosi record di pesca: squalo mako – 1.115 libbre, squalo blu – 400 libbre, bonito – 41,5 libbre, etc.

Le competizioni di big game fishing vengono organizzate da ottobre a marzo, ed in questo periodo vengono abitualmente catturati e pesati circa 600 marlin. Da marzo a maggio è la stagione dei tonni dalle pinne gialle.  

Le attività di pesca principali si estendono dalla costa Sud-Ovest a quella Nord.  

Nelle località costiere è possibile prenotare e noleggiare imbarcazioni per la pesca d’altura, con vari prezzi a seconda della località e delle ore d’impegno.  

IMMERSIONI SUBACQUEE: La Mauritius Scuba Diving Association (MSDA), affiliata al CMAS, consiste in 30 centri dislocati nella maggior parte dei grandi alberghi lungo le coste e sono completamente attrezzati. Vengono organizzati corsi giornalieri per principianti ed immersioni per esperti. Gli istruttori provengono da diverse scuole internazionali come PADI, NAUI, BSAC, VDST, etc.  

Meravigliosi giardini di corallo si trovano a 15 metri di profondità e sono la dimora di oltre 1000 diverse specie di pesci. Lo spettacolare scenario subacqueo è protetto dalla legge: è proibito l’uso di fucili subacquei e la raccolta di conchiglie e coralli.  

Per chi non ama le immersioni profonde, l’attività di snorkeling è in grado di regalare soddisfazioni anche in pochi metri d’acqua all’interno della barriera. Se avete pinne, maschera e boccaglio, portateli con voi!  

ALTRI SPORT ACQUATICI: su tutte le principali spiagge, in particolare vicino ai grandi alberghi, è possibile noleggiare canoe, piccoli catamarani, derive, moto d’acqua, motoscafi e fare sci nautico e paracadute ascensionale, oltre a visitare la barriera con barche dal fondo trasparente. La vela d’altura è anche possibile con escursioni su grandi catamarani all’interno e all’esterno della barriera, verso isole intorno alla costa.

CORSE DI CAVALLI: dall’inizio di maggio alla fine di novembre la stagione delle corse costituisce un’attrattiva per i visitatori. Durante i weekends si tengono meetings al Champ de Mars, a Port Louis, che è uno dei più antichi ippodromi del mondo (fondato nel 1812). Il Mauritius’ Derby Day è la Maiden Cup, che si corre abitualmente in settembre.  

GOLF: Mauritius dispone di un discreto numero di eccellenti campi da golf a 9 e 18 buche. Sono club privati o fanno parte delle strutture di grandi alberghi ed è possibile accedervi a pagamento. Si può noleggiare l’attrezzatura e seguire lezioni di maestri professionisti

Spiaggie

Nessun’altra isola al mondo offre una tale varietà di belle spiagge e lagune. Sulla costa Ovest si trovano le spiagge di Tabarin (ben nota ai surfisti per le sue grandi onde), Flic en Flac, che racchiude una deliziosa laguna con acque poco profonde, Albion, Pointe aux Sables e Baie du Tombeau fra le altre.

Sulla costa Nord sono situate molte incantevoli spiagge come Pointe aux Piments, famosa per i suoi scenari subacquei, Trou aux Biches, Mont Choisy, una delle più popolari, Grand Baie, il principale centro per la vela, la pesca e lo sci nautico, e Pereybère, probabilmente una delle migliori spiagge dove bagnarsi.

All’estremità Nord, con una meravigliosa vista sulle isole costiere, si trovano i piccoli villaggi di pescatori di Cap Malheureux e Grand Gaube.

Lungo la costa Est si trovano le lunghe e bianche spiagge come Roches Noire, che si estende fino a Poste Lafayette. Alcuni chilometri più lontano Belle Mare, Palmar e Trou d’Eau Douce sono i nomi di queste sottili strisce di sabbia ed acqua cristallina, preferite durante la stagione più calda per la prevalenza di brezze fresche provenienti dal mare.

A sud-est Blue Bay offre una profonda e pulita area di balneazione, come suggerito dal nome.

Più a sud, la costa è formata da alte scogliere, che finiscono bruscamente in mare: un forte contrasto con la grazia della costa nord. Le Bouchon, Gris-Gris, Souillac e Baie du Cap sono magnifici punti di osservazione ma non sono raccomandati per nuotare. Tuttavia su questa costa “selvaggia” esistono alcune buone spiagge come Riambel e Pomponette.


Centri principali

PORT LOUIS: capitale e porto di Mauritius, è situata sulla costa nord-ovest e protetta da una formazione montuosa semicircolare. I suoi abitanti sono circa 160.000, il 15% della popolazione dell’isola. La città si estende per soli 45 km2 ed accoglie ogni giorno 100.000 pendolari, essendo il centro di molte attività commerciali. Mostra ancora il suo elegante passato, la Government House che si affaccia sulla Place d’Armes, il Teatro Municipale, la Suprema Corte , il Museo ed alcune case coloniali sparse in mezzo ad edifici moderni. Port Louis ben riflette la caleidoscopica nazione mauriziana, con il suo vivace mercato, il luogo più attivo della capitale, che tutti dovrebbero visitare. Un bazar pulsante ed affollato con banchi dove si vende di tutto, dalle spezie alle T-shirts, dalle cartoline ai pareo, dal pesce secco alla gioielleria, molto gradito ai cacciatori di souvenirs. E’ aperto tutta la settimana, inclusa la Domenica mattina.

Le migliori vedute dell’ippodromo di Champ de Mars, della città e del porto si possono ammirare da Fort Adelaide (La Citadelle), una cittadella fortificata dell’epoca di Guglielmo IV, ora teatro all’aperto. Dalla parte opposta, ai piedi della Montagne des Signaux, si trova il monumento a Marie Reine de la Paix, un luogo di pellegrinaggio cattolico. Dai suoi giardini si può godere di una vista panoramica della città.

Il Caudan Waterfront è una magnifica architettura che si affaccia sul porto e che comprende un hotel stile Impero, un centro commerciale, fast food, ristoranti, cinema, casino, mercato di prodotti artigianali, etc. Un vero “must” in un’atmosfera unica. E’ possibile effettuare un giro in barca del porto, che consente di ammirare la splendida vista delle montagne circostanti.

Vicino al Caudan Waterfront si trova il Port Louis Waterfront, che guarda il porto da una diversa angolazione. Sono disponibili varie attrazioni, come un museo, uno spazio per i giochi dei bambini, ristoranti, cinema, negozi, etc.

CUREPIPE: situata sull’altopiano centrale ad un’altitudine di 549 metri, con i suoi 79.000 abitanti Curepipe ha un clima temperato ma piovoso. Deve le sue estese sistemazioni e larghe aree residenziali all’epidemia di malaria del 1860, che spinse molte famiglie a lasciare la calda e malsana area di Port Louis per il più fresco e salubre altopiano. Curepipe è un eccellente località per lo shopping, grazie alla possibilità di trovarvi articoli come modelli di navi fatti a mano, gioielleria duty-free, sete e cotoni Indiani, ricami e articoli fatti a mano Cinesi, maglioni di lana e molti altri. E’ inoltre sede di un casinò di stile Europeo. La stazione degli autobus (Jan Palach) è la più grande del paese, con un traffico che va dalle 90.000 alle 100.000 persone al giorno.

Il suo Orto Botanico è da non perdere, così come il Trou aux Cerfs, cratere vulcanico da cui è possibile ammirare una spettacolare veduta della costa ovest.

GRAND BAIE: 20 chilometri a nord di Port Louis, tra Pointe aux Cannoniers e Pereybère, si trova Grand Baie con le sue splendide spiagge e la sua baia profonda e protetta, spesso calma come un lago. E’ il principale centro di ospitalità turistica sull’isola ed è stata giustamente nominata la “Costa Azzurra di Mauritius”. A Grand Baie si trova un notevole numero di ristoranti e discoteche, negozi di abbigliamento e prodotti artigianali, oltre a numerosi alberghi e appartamenti e bungalows in affitto.

Affacciato su questa magnifica baia è il Sunset Boulevard, un esclusivo e esteso complesso dall’architettura sontuosa che ospita negozi, ristoranti, caffè, etc.

RODRIGUES: una piccola isola a 560 km a nord-est di Mauritius, fa parte della Repubblica di Mauritius. Ha una superficie di circa 108 km2 ed una popolazione di circa 37.000 abitanti, la maggior parte Creoli di fede Cattolica Romana.

L’isola è collinosa e ha molte spiagge e piccole isolette che la circondano, come Ile aux Cocos. Le attività principali sono la pesca, l’allevamento di bestiame, maiali e capre, l’agricoltura, la produzione di pesce secco, la coltivazione di mais, cipolle, varietà di pepe e limoni.

Rodrigues è un’isola dove la gente vive in maniera semplice. Chi vuole tenersi lontano dai percorsi più frequentati dovrebbe soggiornare qui un po’. Mescolarsi con la popolazione locale costituisce un’esperienza indimenticabile. Le principali attività per un turista sono: pesca, escursioni a piedi, visita alle grotte, escursioni in barca alle isole vicine (Ile aux Cocos e Ile au Sable, entrambe rifugio di varie specie di volatili), danza folkloristica del Sega Tambour e assaggio della cucina locale.

Oltre che via mare, l’isola è collegata con un volo Air Mauritius

Cucina

La cucina mauriziana o creola è rinomata grazie al suo eccellente mélange di cucine asiatiche, africane ed europee.  

Gli ingredienti base della cucina creola sono: pomodori (conosciuti come “pommes d’amour”), cipolle, zenzero, aglio e vari tipi di pepe.  

Cuori di palma, Camarons (grossi gamberi), cervo e cinghiale selvatico sono gli ingredienti preferiti della cucina francese.  

Pesce fresco e frutti di mare costituiscono la base della cucina cinese.  

I frutti di mare ed i pesci sono generalmente cotti con spezie o alla cinese o semplicemente al curry, oltre al metodo tradizionale francese. La selvaggina, la cacciagione o i volatili vengono spesso cotti alla griglia, al curry o in salsa. La specialità locale è sicuramente il Camaron in salsa rossa servito su un letto di cuori di palma.  

Mauritius è un paradiso di frutti tropicali che vanno dall’ananas al melone passando per mango, litchies, papaia e banana. Una varietà di legumi tradizionali e locali accompagna i piatti mauriziani, la fricassée de chouchou o gli achard légumes. Un po’ ovunque, nei mercati, etc., potrete gustare i vari faratas, gateaux piment o badjahs.  

Con la cucina mauriziana siete sicuri di regalarvi ciò che desiderate, da semplici amanti della cucina o fini intenditori.  

   
RELIGIONE

L’origine dei Mauriziani da tre diversi continenti porta alla coesistenza di quattro grandi religioni: Hindu, Cristianesimo, Islam e Buddismo, i cui fedeli si ritrovano nei numerosi templi, chiese, moschee e pagode sparsi ovunque nell’isola.  

Numerose, di conseguenza, le festività e celebrazioni religiose. Oltre alle celebrazioni Cristiane della Pasqua e Natale, si osservano anche festività Hindu, Musulmane e Cinesi.  

Thaipoosam Cavadee (28 gennaio) è una festività Hindu celebrata dalla popolazione Tamil, durante la quale i fedeli, con i corpi trafitti da sottili aghi d’argento, portano in processione verso i templi e sulle spalle il Cavadee, dopo dieci giorni di digiuno.  

Il Festival Cinese di Primavera (22 febbraio) segna il capodanno Cinese ed è associato a fuochi d’artificio ed alla danza tradizionale del Dragone.  

Il Maha Shivaratree (12 marzo – festa nazionale) è un’importante celebrazione Hindu, in onore del Dio Shiva. Migliaia di pellegrini da tutta l’isola si recano a piedi al Grand Bassin, il lago sacro situato a Sud nell’isola, vestiti di bianco e portando in spalla i “kanvars”, strutture di bambù decorate. Per purificare i loro corpi si bagnano nelle acque sacre del lago. Il cammino può durare alcuni giorni.  

Eid-Ul-Fitr (6 o 7 novembre) segna per i Musulmani la fine del mese di digiuno, Ramadan.  

Divali (4 novembre) è la festa delle luci di migliaia di piccoli lumi ad olio o elettrici, per celebrare la vittoria di Rama contro il malvagio Ravana, che simboleggia anche la vittoria della bontà e della gioia.  


Templi, chiese, moschee e pagode possono essere visitati: ai visitatori è richiesto di vestire in modo appropriato e rispettoso (niente shorts, maglie scollate, etc.) e di togliersi le calzature prima di entrare nei templi e nelle moschee.  


Isole costiere  

Mauritius è circondata da piccole isole, alcune delle quali sono riserve naturali o date in concessione ma che sono comunque visitabili contattando operatori turistici. Citando le principali, la più conosciuta è Ile aux Cerfs, di fronte alla costa est. Al largo di Cape Malheureux a nord, l’imponente Coin de Mire si erge come un’enorme balena ed è circondato da Ile Plate, Ilot Gabriel, Ile Ronde, Ile aux Serpents. Più ad est troviamo Ile d’Ambre. Ile aux Bénitiers è situata di fronte alla costa sud-ovest e Ile aux Aigrettes di fronte a Mahebourg a sud-est.


Matrimoni a Mauritius

Da qualche anno Mauritius è divenuta l’isola dei matrimoni originali ed il paradiso delle lune di miele.

Matrimoni sulla spiaggia, sull’acqua oppure sotto acqua. Tutto è possibile. Tutte le coppie che desiderano sposarsi durante il loro soggiorno lo potranno fare. Sarà sufficiente contattare i responsabili del proprio albergo per conoscere le procedure da seguire. La legge stabilisce che i matrimoni di non-residenti possono essere celebrati il giorno seguente alle pubblicazioni.

 
Musica  

La musica e ballo tradizionale dell’isola, il Sega, è derivata da antichi motivi Africani del periodo della schiavitù, con l’aggiunta di testi in Creolo patois.  

E’ una musica ritmata ed invitante al suono della ravane (grande tamburello), del triangolo  

Ascoltarla stimolerà anche il più inibito visitatore a ballare, muovendo piccoli passi ed ondeggiando i fianchi. Il principio del ballo Sega è di sfiorarsi senza mai toccarsi.

La maggior parte degli alberghi organizza spettacoli con professionisti di ballo Sega tipico o moderno, che coinvolgono poi anche il pubblico. Da non perdere!


Torna ai contenuti